Un nuovo studio ha permesso di identificare alcuni segni premonitori del rischio di sviluppare disturbi dell’ansia in età adulta.

 

La ricerca, supportata dai National Institutes of Health degli Stati Uniti e pubblicati sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, potrebbe aiutare a prevedere quali sono le persone esposte a un maggiore rischio e migliorare la prevenzione e il trattamento di questo disturbo. Per l’indagine, gli studiosi hanno concentrato la loro attenzione su un campione di quasi 300 bambini, seguiti dall’infanzia fino all’adolescenza, come parte di uno studio più ampio sulla personalità e lo sviluppo socio-emotivo. Questo ha consentito di individuare alcune caratteristiche del temperamento in grado di predire manifestazioni di ansia elevata in risposta agli stress della vita, come le preoccupazioni per la pandemia di Covid-19.

In particolare, un comportamento osservato durante l’infanzia, chiamato “inibizione comportamentale”, può determinare una maggiore probabilità di sperimentare la cosiddetta “disregolazione della preoccupazione” nel corso dell’adolescenza (15 anni) che, a sua volta, si è dimostrato un segnale premonitore dei disturbi dell’ansia durante i primi mesi della pandemia, quando i partecipanti allo studio avevano circa 18 anni. “Le persone differiscono notevolmente nel modo in cui gestiscono lo stress – ha affermato Daniel Pine, co-autore dello studio e responsabile della sezione sullo sviluppo e le neuroscienze affettive del National Institute of Mental Health (NIMH) – . Questo studio mostra che il livello di paura nei bambini predice quanto stress verrà sperimentato nel corso della vita, quando si affronteranno circostanze difficili, come la pandemia”.

L’inibizione comportamentale, spiegano gli studiosi, è un temperamento infantile caratterizzato da un alto livello di risposte prudenziali, paurose e schive nei confronti di persone, oggetti o situazioni non familiari. Nello studio, questo atteggiamento è stato valutato intorno all’età di 2-3 anni attraverso l’osservazione del comportamento dei più piccoli verso nuovi giocattoli e l’interazione con adulti non familiari. Successivamente, quando i bambini avevano 7 anni, i ricercatori hanno misurato il loro livello di diffidenza sociale durante le attività di gioco con un coetaneo sconosciuto. All’età di 15 anni hanno poi esaminato la disregolazione della preoccupazione attraverso un’indagine di autovalutazione. Per arrivare alle loro conclusioni, hanno dunque riesaminato i partecipanti allo studio all’età media di 18 anni, valutando due volte i livelli di ansia in seguito all’introduzione delle misure di contrasto della pandemia.

Alla prima valutazione, avvenuta tra il 20 aprile e il 15 maggio 2020, il 20% dei partecipanti allo studio ha mostrato livelli moderati di ansia e, alla seconda valutazione, condotta un mese dopo, il 18,3% dei partecipanti ha segnalato un peggioramento della condizione, riportando livelli clinici di ansia. In particolare, i soggetti con un’elevata inibizione comportamentale nella prima infanzia e che hanno continuato a mostrare alti livelli di diffidenza sociale durante l’infanzia e preoccupazione disregolata nell’adolescenza erano anche coloro che hanno riportato un maggiore aumento dell’ansia durante la fase critica della pandemia. Al contrario, questo aumento non è stato significativo nei partecipanti allo studio che mostravano inibizione comportamentale nella prima infanzia ma bassi livelli di diffidenza sociale nel corso dell’infanzia.

Risultati che nel complesso hanno fornito “un’ulteriore prova del continuo impatto del temperamento nella prima infanzia sulla salute mentale delle persone” ha affermato Nathan Fox, direttore del Child Development Lab presso l’Università del Maryland e autore principale dello studio. “I bambini con inibizione comportamentale stabile sono a maggior rischio di sviluppare più alti livelli di preoccupazione e ansia, e il contesto della pandemia ha solo accentuato questi effetti”.

 

 

 

Leggi anche:

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.