Insonnia e depressione sono strettamente correlate negli anziani e una terapia per curare la prima non basta a escludere il verificarsi della seconda.

 

 

‎Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’UCLA Health ha scoperto che la terapia cognitivo comportamentale (CBT-I) ha prevenuto la depressione maggiore, diminuendo la probabilità di depressione di oltre il 50%, rispetto alla terapia di educazione al sonno negli adulti di età superiore ai 60 anni con insonnia.‎

‎I loro risultati, riportati su ‎‎JAMA Psychiatry,‎‎ potrebbero aiutare a individuare trattamenti efficaci per l’insonnia e prevenire il disturbo da depressione maggiore (MDD) negli anziani.‎

‎Più del 10% degli adulti di età superiore ai 60 anni sperimenta depressione maggiore nella vita. La depressione tardiva aumenta il rischio di malattie cardiache e ipertensione, declino cognitivo e suicidio, in particolare negli uomini.

Nonostante la sua prevalenza negli anziani, la depressione spesso non viene diagnosticata e non trattata. E, anche tra coloro che ricevono il trattamento, solo circa un terzo migliora o raggiunge la remissione.‎ L’insonnia più che raddoppia il rischio di depressione maggiore.

Prendendo di mira l’insonnia e trattandola efficacemente con CBT-I, la depressione può essere efficacemente prevenuta di oltre il 50% negli anziani” afferma il dottor Michael Irwin, autore principale dello studio e direttore del‎‎ Cousins Center for Psychoneuroimmunology presso il Semel Institute for Neuroscience‎‎ e ‎‎professore di psichiatria e scienze biocomportamentali presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA.

‎L’insonnia, una condizione in cui le persone hanno difficoltà ad addormentarsi e rimanere addormentate, che colpisce quasi il 50% degli adulti di età pari o superiore a 60 anni e quando si verifica il rischio di depressione è più che raddoppiato. Sebbene vari tipi di farmaci per il sonno siano spesso usati per trattare l’insonnia, forniscono solo un sollievo temporaneo e possono essere fonte di rischio di effetti collaterali diurni come sonnolenza prolungata o mal di testa e dipendenza. ‎

‎Di conseguenza, la CBT-I è raccomandata come prima linea di trattamento per le persone con insonnia ed è stata altamente efficace nel suo trattamento. Questo tipo di terapia in genere si concentra sul lavoro con un terapeuta per aiutare a identificare e modificare modelli di pensiero, risposte emotive e comportamenti.‎

‎I ricercatori hanno arruolato 291 adulti sopra i 60 anni con insonnia, ma che non avevano sperimentato alcuna depressione per 12 mesi o più, assegnando casualmente metà del gruppo a ricevere CBT-I da uno psicologo qualificato, e l’altra metà a ricevere la terapia di educazione al sonno (SET).

Entrambi i gruppi hanno ricevuto sessioni di gruppo settimanali di 120 minuti per due mesi e poi sono stati sottoposti a follow-up per tre anni.‎

‎Nel corso di 36 mesi di follow-up, i partecipanti hanno completato questionari mensili per lo screening dei sintomi di depressione e / o insonnia e sono stati visitati ogni sei mesi per determinare se si era verificato un episodio di depressione clinica. ‎

‎I risultati chiave hanno mostrato che la depressione si è verificata nel 25,9% degli anziani nel gruppo di controllo SET durante il follow-up, mentre solo nel 12,2% nel gruppo CBT-I: una riduzione del 51% del rischio di depressione con il trattamento CBT-I.‎

‎In secondo luogo, la remissione dell’insonnia era più probabile nel gruppo CBT-I rispetto a SET. Tra coloro che hanno ricevuto CBT-I e hanno avuto una remissione sostenuta dell’insonnia, la probabilità di depressione è stata ridotta dell’83%. La depressione si è verificata in oltre il 27% degli anziani nel gruppo SET che non hanno avuto la remissione dell’insonnia, mentre la depressione si è verificata in meno del 5% di quelli nel gruppo CBT che hanno raggiunto la remissione dell’insonnia.‎

‎Questi risultati suggeriscono che il trattamento con CBT-I ha fornito un beneficio significativo per prevenire il disturbo depressivo maggiore ricorrente negli anziani con insonnia e che lo ha fatto trattando l’insonnia, un noto fattore di rischio per la depressione.‎

‎”Abbiamo anche dimostrato che la CBT-I produce una remissione dell’insonnia. Il trattamento dell’insonnia, insieme alla prevenzione della depressione, presi insieme, potrebbero avere enormi implicazioni per ridurre i rischi per la salute, il suicidio e il declino cognitivo negli anziani” conclude Irwin.

Foto crediti: Envato Elelents (ove non diversamente specificato)

Riproduzione riservata (c)

.