Il calcolo eseguito da ricercatori spagnoli dai dati dei singoli Paesi sui decessi dovuti al coronavirus.

 

Complessivamente, nel mondo, si sono persi 20,5 milioni di anni di vita a causa del Covid-19, con una media di 16 anni persi per ogni singola persona deceduta. Da due a nove volte, a seconda del Paese, più di quanto risulta per l’influenza stagionale. È quanto affermano ricercatori dell’Università di Barcellona in un articolo comparso su Scientific Reports.

Che cosa significa questo numero? Per ogni individuo deceduto a causa del Covid-19 si conta la differenza tra l’età del soggetto e l’aspettativa di vita media, variabile a seconda della nazione di residenza. Si giunge così a stimare la media di anni di vita persi per persona.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 1.279.866 deceduti in 81 Paesi e la relativa aspettativa di vita media e sono dunque giunti al numero di 20.507.518 anni di vita persi. Nel dettaglio: il 45% di questi anni è nella fascia di età tra 55 e 75 anni, il 30% in quella inferiore ai 55 e il 25% negli over 75 e la prevalenza riguarda gli uomini.

Numeri grandi? Se paragonato con gli anni di vita persi a causa di malattie cardiovascolare il dato risulta di appena un quarto.

 

 

 

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *