L’Intergruppo Melanoma Italiano: si torna ai numeri degli anni ’80.

 

Il Covid-19 non dà tregua ed è SOS per la diagnosi precoce del melanoma. In Italia, nel 2019, si stimano -dati dell’Association of Cancer Registries italiano (AIRTUM) – 12300 nuovi casi di cui 6700 uomini e 5600 donne.

Il rischio di sviluppare un melanoma nel corso della vita è del 1.5% nei maschi e del 1.2% nelle donne. Tuttavia, con il drammatico calo delle prime visite-31.3%, del numero delle biopsie del -36.5% e delle radicalizzazioni 22.9% registrati dall’inizio dell’epidemia si sta tornando ai numeri degli anni ’80, quando la diagnosi precoce intercettava appena il 65% dei casi contro una media di quasi il 90% del periodo pre-Coronavirus.

A lanciare l’allarme è l’Intergruppo Melanoma Italiano (IMI) nel corso del XXVI Congresso Nazionale in corso dal 7 al 9 novembre in virtual edition.

La diagnosi precoce – afferma il presidente Ignazio Stanganelli – è l’arma più efficace per sconfiggere il melanoma.  Il trattamento di elezione è, infatti, l’asportazione chirurgica radicale e la prognosi è fortemente condizionata dallo spessore di questo tumore della pelle. Lesioni sottili consentono una sopravvivenza a 5 anni superiore al 95%, mentre per lesioni spesse più di 2 millimetri la sopravvivenza scende al 78% e per quelle di spessore superiore ai 4 millimetri al 65%. 45% se è presente una ulcerazione. Tutto dipende, quindi, dalla precocità della diagnosi. E questa è conseguenza anche di un controllo sistematico della propria pelle.

Le mancate visite registrate nel periodo febbraio-aprile 2020, causate dal lockdown, rispetto allo stesso trimetre 2019, e quelle che si stanno verificando ora a causa della seconda ondata dell’infezione, sottolineano gli specialisti, si tradurranno presto in melanomi in stadio più avanzato con prognosi peggiore.

“Occorre continuare a ribadire nella popolazione – conclude Stangnellil’importanza della prevenzione anche nell’emergenza, per non trovarci domani in una situazione ancora peggiore.

 

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.