Ritardi superiori ai 6 mesi nell’erogazione dello screening porterebbero a un incremento dei casi in stadio avanzato. Per ritardi superiori a un anno, la mortalità a 5 anni aumenterebbe del 12%.

 

Il cancro del colon retto rappresenta una delle cause principali di cancro nel nostro Paese. Secondo i dati Aiom-Airtum, nel 2018 in Italia sono stati diagnosticati circa 28.800 nuovi casi di colon retto negli uomini e 22.500 nelle donne. L’implementazione degli esami di screening attraverso il test del sangue occulto fecale ha dimostrato di essere in grado di ridurre l’incidenza e la mortalità nelle popolazioni controllate, con età compresa tra 50 e 69 anni. L’epidemia da coronavirus rischia però di rallentare gli importanti risultati sinora ottenuti. A lanciare l’allarme è la Società italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva (Sige) in occasione della pubblicazione di uno studio recentemente condotto dall’Università di Bologna.

Il numero dei pazienti colpiti da cancro del colon retto è costantemente diminuito nel tempo grazie alla capillare attività svolta dai centri screening regionali e dai centri di endoscopia digestiva dove sono erogate le colonscopie. Quando si parla di cancro al colon retto quello che spesso fa la differenza, infatti, è proprio la diagnosi precoce. “La ricerca in ambito endoscopico, con la finalità di prevenire e trattare il cancro del colon retto in modo più preciso ed efficace, ha portato allo sviluppo di tecnologie di intelligenza artificiale – dichiara Alessandro Repici, professore di Gastroenterologia di Humanitas University, responsabile di Endoscopia digestiva dell’Irccs Humanitas e membro del Consiglio direttivo della Sige -. Queste nuove tecniche – oltre a consentire una maggiore precisione e una conseguente riduzione del carico di lavoro – permettono di differenziare le lesioni tumorali in base alle caratteristiche macroscopiche o vascolari e, in generale, una loro migliore rilevazione”.

Lo screening del cancro colorettale è perciò fondamentale e non può fermarsi. Purtroppo, la pandemia da Sars-Cov-2 ha determinato un arresto dei programmi di screening, sia in Italia che all’estero, dovuto ai lockdown ma anche alla necessità di riorganizzare i servizi e fare fronte all’emergenza. “Un recente studio che abbiamo pubblicato – sottolinea Luigi Ricciardiello, professore di Gastroenterologia all’Università di Bologna e Consigliere Sige – ha dimostrato che ritardi nell’erogazione dello screening superiori ai 6 mesi porterebbero a un aumento dei casi in stadio avanzato e che, per ritardi superiori ai 12 mesi, la mortalità a 5 anni aumenterebbe del 12%”.

È quindi fondamentale sensibilizzare costantemente la popolazione a sottoporsi all’esame del sangue occulto fecale poiché lo screening salva la vita. “L’attività di screening – conclude Maurizio Vecchi, professore di Gastroenterologia presso l’Università degli Studi di Milano e componente del Consiglio direttivo Sige – deve rimanere prioritaria sulla popolazione in virtù dell’alta incidenza della malattia sul nostro territorio, eventualmente anche attraverso percorsi alternativi che ne facilitino l’erogazione”.

 

 

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *