Significa anche che potrebbe esserci possibilità di vita altrove nel Sistema Solare.

 

I microbi sepolti sotto il fondo del mare per più di 100 milioni di anni sono ancora vivi, rivela un nuovo studio. Quando sono tornati in laboratorio e nutriti, hanno iniziato a moltiplicarsi. I microbi sono specie amanti dell’ossigeno che in qualche modo esistono su quel poco di gas che diffonde dalla superficie dell’oceano in profondità nel fondo del mare.

Il nuovo lavoro dimostra che “la vita microbica è molto persistente, e spesso trova un modo per sopravvivere”, commenta Virginia Edgcomb, un’ecologista microbica presso la Woods Hole Oceanographic Institution coinvolta nello studio.

Inoltre, dimostrando che la vita può sopravvivere in luoghi che i biologi un tempo pensavano inabitabili, la ricerca parla della possibilità di vita altrove nel Sistema Solare, o altrove nell’universo. “Se la superficie di un particolare pianeta non sembra promettente per la vita, potrebbe reggere nel sottosuolo”, dice Andreas Teske, un microbiologo dell’Università della Carolina del Nord, Chapel Hill, anche lui non coinvolto nel lavoro.

I ricercatori sapevano già che la vita persiste nel fondo dell’oceano per più di 15 milioni di anni nei sedimenti ossigenati (lavoro del 2019 di William Orsi, un geobiologo dell’Università Ludwig Massimiliana di Monaco). Ma il geo-microbiologo Yuki Morono dell’Agenzia giapponese per la scienza e la tecnologia geo-marina voleva conoscere i limiti di tale vita. I microbi sono noti per vivere in ambienti molto caldi o tossici, ma la domanda era: possono vivere anche dove c’è poco o nulla “cibo”? Per scoprirlo, Morono e i suoi colleghi hanno organizzato una spedizione di perforazione nel South Pacific Gyre, un sito di correnti oceaniche intersecanti ad est dell’Australia che è considerata la parte più morta degli oceani del mondo, quasi del tutto priva dei nutrienti necessari per la sopravvivenza. Quando hanno estratto nuclei di argilla e altri sedimenti da 5.700 metri sotto il livello del mare, hanno confermato che i campioni contenevano effettivamente un po’ di ossigeno, segno che c’era pochissimo materiale organico da mangiare per i batteri. Il team di Morono ha quindi estratto piccoli campioni di argilla dai centri dei nuclei perforati, con la massima attenzione a che non venissero contaminati, li ha messi in fiale di vetro e ha aggiunto semplici composti, come acetato e ammonio, che contenevano forme più pesanti, o isotopi, di azoto e carbonio che potevano essere rilevati nei microbi viventi. Il giorno in cui il gruppo ha “alimentato” per la prima volta i campioni di fango con questi composti, e fino a 557 giorni dopo, il team ha estratto pezzi di argilla dai campioni e l’ha dissolta per individuare eventuali microbi viventi, nonostante la mancanza di cibo per loro nell’argilla.

Le sostanze nutritive aggiunte hanno svegliato una varietà di batteri che utilizzano ossigeno. Nei campioni dello strato vecchio di 101,5 milioni di anni, i microbi alimentati sono aumentati di grandezza (ben 4 volte) fino a più di 1 milione di cellule per centimetro cubo dopo 65 giorni. Il lavoro è stato pubblicato su Nature Communications.

L’analisi genetica dei microbi ha rivelato che appartenevano a più di otto gruppi batterici noti, molti dei quali si trovano comunemente altrove nell’acqua salata dove svolgono un ruolo importante nella scomposizione della materia organica.

I ricercatori non sanno cosa hanno fatto i microbi gyre in tutti questi milioni di anni. La maggior parte delle specie trovate non formano spore, che sono uno stadio di vita inattiva che alcuni batteri formano in condizioni sfavorevoli. Potrebbero essere i batteri che si sono divisi (riprodotti) molto lentamente per tutto questo tempo, il che renderebbe quelli isolati in questo studio i discendenti lontani degli antenati di milioni di anni fa. Ma c’è così poco cibo nei sedimenti d’altura che tutti i microbi potrebbero molto probabilmente fare poco di più che riparare qualsiasi molecola danneggiata. “Se non si dividono affatto, vivono per 100 milioni di anni”, dice Steve D’Hondt, oceanografo presso l’Università del Rhode Island, Bay Campus e co-autore dello studio. E aggiunge: “Sembra una follia, ma quei microbi non sono discendenti ma sono vecchi100 milioni di anni”.

Potrebbe anche esserci stata un’altra fonte di energia non riconosciuta, forse la radioattività, che permette una lenta divisione da parte dei batteri, che probabilmente sono rimasti intrappolati in questi sedimenti mentre erano sepolti da altri strati di sedimentazione.

Conclude Bo Barker Jargensen, microbiologo marino dell’Università di Aarhus: “Morale? Il poco cibo e la poca energia non sembrano essere il limite per la vita sulla Terra”.

 

 

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *