Con l’inverno alle porte, sai davvero come tenere in forma il tuo cuore? Ecco cinque consigli da seguire in vista della stagione più fredda e delle festività natalizie.

 

Il professor Claudio Ferri, già Presidente della Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa (SIIA), ci dà qualche consiglio pratico e utile di cui fare tesoro, per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari anche in questo periodo:

1. La prevenzione inizia dall’alimentazione, che deve essere quanto più sana ed equilibrata possibile. “Visto che a Natale di solito tendiamo a mangiare di più, prima delle festività impariamo a consumare molta verdura, frutta (intesa anche come noci e mandorle), molto pesce, cereali integrali e pochissimo sale da cucina (meno di mezzo cucchiaino di caffè, raso, in tutto il giorno, senza mai addizionarlo a tavola). Carne rossa, zuccheri e dolciumi, mangiamoli con molta parsimonia sempre, anche nei giorni di festa”.

 

2. L’attività fisica resta un perenne alleato. “Anche in questo periodo, concediamoci almeno 45 minuti di camminata veloce, aiuta il cuore e a stare bene con se stessi. Evitiamo inoltre di prendere l’ascensore prediligendo le scale”.

 

3. Oltre la salute fisica, bisogna “coccolare” anche quella mentale. “Approfittiamo delle vacanze: riduciamo lo stress dedicandoci ad attività semplici e stimolanti come leggere, visitare un museo, scrivere o ascoltare musica. La televisione: spegniamola il più spesso possibile”.

 

4. Impariamo a saper ascoltare il nostro corpo e a coprirci bene. “Vestiamoci sempre a strati, coprendo bene e proteggendo soprattutto le estremità del corpo, come testa, piedi e mani. Attenzione agli spifferi freddi, dunque, soprattutto se si hanno disturbi cardiocircolatori”.

 

5. Tenere sotto controllo la salute, soprattutto se si cambia altitudine. “Prima di una vacanza, accertarsi di aver misurato la pressione arteriosa e di aver messo in borsa tutti i farmaci che ci occorreranno. L’apparecchio per la misurazione pretoria e della glicemia, se siamo diabetici: portiamoli con noi”.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *